Scarica il nostro E-Book

Vorresti fare carriera nell’immobiliare?
Sei un agente e vuoi diventare un imprenditore di successo?
Sei alla ricerca di maggiori soddisfazioni economiche?
La risposta è a portata di click ed è Gratis con il nostro E-Book:
“Da Agente Immobiliare a imprenditore di successo: il manuale completo“
Email
Nome
Cognome
Telefono
Ho letto e accetto l'informativa alla Privacy

Come una community può influenzare il successo del brand

Community online

Nell’era di internet e dello spopolare del digitale anche il marketing ha subito un’importante rivoluzione al suo interno; la comunicazione si è fatta virtuale, e si nota sempre di più la necessità di essere presente nel web e, più precisamente, nei social network.

Come mai Facebook, Twitter, LinkedIn e affini hanno ottenuto una rilevanza così alta negli ultimi anni? Le motivazioni sono molteplici, ma ce n’è una nello specifico che risalta su tutte: la creazione di community. Solo così le piattaforme digitali diventano luogo di incontro e di confronto per qualsiasi tipo di settore, incluso naturalmente quello immobiliare.

Ma cosa si intende quando si parla di community? Di getto, potremmo pensare al numero di followers o, più in generale, alle persone che hanno dimostrato un qualunque tipo di interesse per la nostra attività. Ma non è così! La community è una cerchia di persone che supportano attivamente una realtà imprenditoriale, rappresentando così una risorsa molto importante per qualsiasi azienda. Vediamo quindi più nel dettaglio di cosa si tratta.

Cos’è una community

Per capire meglio cosa si intende quando si parla di community, partiamo dalla definizione fornita dalla Treccani:

Nel linguaggio di Internet, gruppo di persone che si incontrano, discutono e si scambiano informazioni attraverso la rete. Gli strumenti utilizzati più frequentemente dagli utenti per interagire sono forum, chat e programmi di messaggistica istantanea.

Già da questo incipit capiamo subito che non possiamo limitarci a considerare community chi mostra un qualsiasi tipo di interesse verso la nostra azienda ma contribuisce attivamente con una propria opinione a crearne un’immagine.

I membri di una community si confrontano, commentano, intervengono nel sito internet, nei social network ed ovunque l’ azienda sia presente in internet; ad esempio, anche Tripadvisor è un luogo di incontro per le community di ristoranti ed hotel perché, nonostante non sia la struttura ad averne il controllo, i clienti parlano della propria esperienza e contribuiscono a creare contenuti che hanno il potere di influenzare le decisioni di acquisto di altre persone.

Per quanto riguarda le agenzie immobiliari naturalmente non esiste una piattaforma come Tripadvisor; come hotel e ristoranti però anch’esse devono occuparsi di gestire la propria presenza online! Il fatto che non esista (ancora) una piattaforma dedicata non implica che i clienti non possano parlare di noi, ed esistono infatti molteplici luoghi dove ciò è possibile.

Dove? Nei già citati social network per esempio, dove ormai chiunque scrive, posta e documenta a tutti qualsiasi cosa della propria vita. Perché non avvantaggiarsi dunque di questa attività per la propria agenzia?

Scarica il nostro E-Book

Vorresti fare carriera nell’immobiliare?
Sei un agente e vuoi diventare un imprenditore di successo?
Sei alla ricerca di maggiori soddisfazioni economiche?
La risposta è a portata di click con il nostro E-Book Gratuito:
“Da Agente Immobiliare a imprenditore di successo: il manuale completo“
Email
Nome
Cognome
Telefono
Ho letto e accetto l'informativa alla Privacy

Quali vantaggi ottenere da una community attiva

Il proprio blog, il forum o le pagine social possono essere un ottimo luogo di incontro per la propria community. Ma in che modo quest’ultima può diventare uno strumento importante per il proprio brand e per la propria comunicazione?

Innanzitutto, se si crea una community rilevante e attiva, essa può essere considerata come il proprio pubblico di riferimento. In questo modo si può avere ad esempio un’anteprima dell’efficacia di un’azione di marketing, piuttosto che un responso immediato riguardo un prodotto o un servizio.

In secondo luogo, una community definita “responsive” può essere un ottimo destinatario di analisi di mercato mirate, per esempio attraverso la somministrazione di sondaggi e questionari. Allo stesso tempo, si viene a creare una “rete di supporto” spontanea tra chi ha già usufruito di un prodotto o un servizio e chi comincia ad informarsi sullo stesso.

Infine, le opinioni di una community hanno una capacità di convincimento molto maggiore rispetto a qualsiasi tipo di contenuto che un’azienda possa creare; far sì che questo tipo di situazione sorga spontanemente e coerentemente con la mission aziendale può rivelarsi la migliore strategia di marketing, duratura ed efficace nel corto come nel lungo termine.

Come creare una community per un’agenzia immobiliare

Creare una community per un’agenzia immobiliare è un processo che richiede tempo e costanza. Per quanto riguarda metodi e attvità operative ce ne sono di molteplici, ognuna con il proprio potenziale e con obiettivi e risultati diversi.

Per iniziare però ci sono 3 “strumenti” che ci sentiamo di consigliare universalmente, soprattutto per quelle agenzie che stanno muovendo ora i primi passi nel mercato immobiliare:

  • Il sito internet/blog: avere un “luogo” di proprietà all’interno del vasto mondo digitale permette di avere un controllo più forte ed immediato sui contenuti che vengono creati sulla propria attività imprenditoriale. Naturalmente, gli eventuali articoli o contenuti prodotti dall’azienda stessa devono essere creati in ottica di favorire un dialogo e una discussione tra gli utenti, e non solo la lettura; non dimentichiamo che la community si distingue da un più generico pubblico proprio per la maggiore attività.
  • Il forum: ancora meglio se all’interno del proprio spazio virtuale viene creato un vero e proprio ambiente dedito alla discussione, dove l’amministratore o moderatore interviene solo in maniera minima e si lascia ampio spazio di manovra ai propri utenti. In questo modo, la discussione viene incentivata al massimo, con il vantaggio di avere comunque un controllo dietro le quinte abbastanza elevato per poter monitorare il numero di utenti della propria community.
  • I social network: come detto in precedenza, non c’è luogo migliore dove sono presenti utenti e persone con la voglia di produrre contenuti. Attenzione però, perché non è sufficiente l’apertura di un account in ogni social network esistente; è preferibile piuttosto concentrarsi su pochi profili online e approfondire nel dettaglio tutti gli strumenti disponibili per alimentare la propria community (ad esempio, creando e tenendo attivo un gruppo in Facebook).

Questi però sono solo alcuni degli strumenti e dei metodi per riuscire a creare una community attiva, migliorando così la propria immagine online, che può a sua volta diventare uno strumento per una valorizzazione del brand e portare infine ad incrementare le vendite totali.

Per maggiori informazioni, il dettaglio sui corsi forniti da Affitta Presto o le tecniche e i metodi più in uso sul marketing online, ti invitiamo a contattarci; saremo più che felici di poter rispondere a tutte le tue domande!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>