Scarica il nostro E-Book

Vorresti fare carriera nell’immobiliare?
Sei un agente e vuoi diventare un imprenditore di successo?
Sei alla ricerca di maggiori soddisfazioni economiche?
La risposta è a portata di click ed è Gratis con il nostro E-Book:
“Da Agente Immobiliare a imprenditore di successo: il manuale completo“
Email
Nome
Cognome
Ho letto e accetto l'informativa alla Privacy

Quanto guadagna un agente immobiliare? Italia vs USA

quanto guadagna un agente immobiliare

Quanto guadagna un agente immobiliare? Questa è una domanda spinosa ma legittima per chi decide di intraprendere la carriera di imprenditore immobiliare. Sicuramente il guadagno è proporzionale alle capacità e alle doti imprenditoriali del professionista.

Chi si lancia nel mondo dell’immobiliare con l’obiettivo di diventare imprenditore e gestire una o più agenzie è certamente spinto da una forte passione e motivazione, non ci si improvvisa imprenditori.

Per quanto riguarda il guadagno, stimare una cifra precisa non è facile, i fattori che condizionano questo dato sono molti e vanno oltre alla sola professionalità. Infatti può incidere sui profitti anche l’andamento del mercato, oppure la zona in cui si opera. Un agente immobiliare può guadagnare dai 500 € o superare i 1000 € al mese, ma questi sono solo numeri e possono variare moltissimo.

Cerchiamo di entrare nel vivo del mercato immobiliare, facendo un confronto fra la situazione in Italia e quella negli Stati Uniti d’America, per capire meglio come cambia il guadagno di un agente in base al “peso” del suo ruolo, e magari prendere spunto da un sistema così diverso per migliorare la propria strategia.

Il sistema immobiliare: confronto fra Italia e USA

Il mercato immobiliare Italiano e quello Americano sono sicuramente molto diversi, e diverso quindi è l’approccio alle trattative. Il sistema delle agenzie immobiliari e il ruolo degli agenti quindi si adatta al mercato di riferimento, e questo fa la differenza anche nei guadagni dei singoli agenti e dei titolari di agenzie immobiliari.

Ecco le differenze principali divise in 3 punti:

Il ruolo di un agente immobiliare

  • L’agente immobiliare in Italia è un professionista del settore che si occupa del processo di compravendita o di affitto di un immobile. Il suo ruolo è quello di mediatore imparziale fra proprietario e acquirente o fra proprietario e locatario.
  • negli Stati Uniti un agente immobiliare non è semplicemente un mediatore, ma il proprietario e l’interessato all’immobile hanno rispettivamente un agente ciascuno che opera nei loro interessi. Due quindi sono i professionisti che gestiscono la trattativa, per garantire ai clienti una consulenza a tutto tondo, dando la sicurezza di agire nel bene di ciascuno.

In Italia sempre più persone cercano di “scavalcare” l’agente immobiliare, accordandosi direttamente con il proprietario nella speranza di evitare la provvigione, e quindi ammortizzare i costi. Al contrario negli USA la figura del mediatore è imprescindibile durante una trattativa di affitto. Perchè succede questo? I clienti non si fidano dell’agente immobiliare perchè ancora oggi molti di essi non agiscono sopra le parti. Lo scopo è quello di riacquistare questa fiducia.

Il mercato: esclusività e Multiple Listing Service

L’andamento del mercato può avere alti e bassi. Sia in Italia che negli Stati Uniti d’America ci sono stati e ci saranno momenti di crisi. Anche in questi periodi di slancio o di stallo l’approccio è molto diverso, in quanto è diverso il sistema di gestione.

Scarica il nostro E-Book

Vorresti fare carriera nell’immobiliare?
Sei un agente e vuoi diventare un imprenditore di successo?
Sei alla ricerca di maggiori soddisfazioni economiche?
La risposta è a portata di click con il nostro E-Book Gratuito:
“Da Agente Immobiliare a imprenditore di successo: il manuale completo“
Email
Nome
Cognome
Ho letto e accetto l'informativa alla Privacy
  • In Italia non esiste l’esclusività di un incarico, bensì spesso accade che il proprietario si rivolga a più agenzie con l’intento di affittare l’immobile più in fretta, ma non sempre è la soluzione ideale. Inoltre, non esiste un vero e proprio database da consultare a disposizione degli agenti, che invece sono vincolati dall’area di cui si occupa l’agenzia.
  • Negli USA al contrario chi si occupa di un determinato immobile, ne ottiene l’esclusività, e l’agente del compratore o del locatore, si rivolge esclusivamente ad esso. Inoltre, tutti gli immobili in vendita o in affitto vengono registrati nel MLS, il Multiple Listing Service, che raccoglie tutte le informazioni relative agli immobili e agli agenti che se ne sono occupati negli anni.

Anche la presentazione degli immobili è molto diversa. Gli Americani infatti sono esperti di Home Staging e Open House, ovvero il proporre una casa al meglio delle sue possibilità dal punto di vista estetico e tecnico, fissando poi degli orari in cui i clienti possono visionare l’interno dell’immobile. Questo sistema in Italia è ancora molto acerbo.

Quanto guadagna un agente immobiliare?

Quando si parla del guadagno di un agente ci si riferisce alla provvigione, ovvero la percentuale di guadagno sulla compravendita di un immobile o sulla chiusura di un contratto di affitto. Anche in questo caso si notano delle differenze fra Italia e Stati Uniti.

  • In Italia la provvigione è pagata sia dal proprietario che dal locatario, e si aggira intorno al 2% o il 3% del costo dell’immobile in caso di vendita, o della somma totale di un anno di affitti.
  • Negli USA la provvigione viene pagata solo dal proprietario, e si parla di un 5% o di un 6%, divisa, non sempre in parti uguali, fra l’agente che segue il proprietario e quello che segue il futuro inquilino.

Il sistema americano prevede il pagamento, da parte del compratore o del futuro inquilino, di una commissione per la valutazione dell’immobile. Troppo spesso in Italia si vedono immobili in vendita o in affitto che presentano irregolarità o abusivismi, e i tempi di valutazione da parte di un notaio e di un esperto sono molto lunghi. Al contrario negli Stati Uniti i tempi sono più veloci e anche per questo il servizio viene pagato volentieri, perchè molto efficiente.

La professione di mediatore immobiliare richiede molta passione e dedizione, costante formazione e studio per apprendere le tecniche di vendita ma anche esperienza sul campo per fare proprie queste tecniche e far crescere le proprie competenze.

Se il tuo sogno è quello di intraprendere un percorso di crescita professionale e aprire una tua agenzia immobiliare, sappi che è molto difficile calcolare uno stipendio fisso. Come puoi notare dal confronto fatto fra Italia e USA, nonostante l’approccio sia molto diverso, quando si tratta di vendere o affittare degli immobili il guadagno può variare molto, ed essere condizionato da tanti fattori.

Il franchising è sicuramente una buona soluzione per chi intende aprire una propria agenzia, per cominciare senza la paura di investimenti troppo consistenti e rischiosi, appoggiandosi invece ad un brand già avviato e consolidato.

Vuoi maggiori informazioni sul sistema di franchising Affitta Presto? Contattaci, saremo felici di rispondere alle tue domande.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>