Scarica il nostro E-Book

Vorresti fare carriera nell’immobiliare?
Sei un agente e vuoi diventare un imprenditore di successo?
Sei alla ricerca di maggiori soddisfazioni economiche?
La risposta è a portata di click ed è Gratis con il nostro E-Book:
“Da Agente Immobiliare a imprenditore di successo: il manuale completo“
Email
Nome
Cognome
Telefono
Ho letto e accetto l'informativa alla Privacy

Cos’è e a cosa serve il deposito cauzionale

deposito-cauzionale

Nel settore immobiliare, e più nello specifico nel settore degli affitti, la fiducia tra affittuario e inquilino deve essere una componente fondamentale per il mantenimento del rapporto tra le parti. Spesso però, se non sempre, affittuario e inquilino non si conoscono prima di stipulare il contratto di affitto. Come fare dunque per tutelarsi in caso di controversie?

A questo proposito esiste una serie di strumenti creati appositamente per rendere più sereno il contratto di affitto; quello che vedremo con l’articolo di oggi è il deposito cauzionale, più comunemente chiamato con il nome di cauzione.

Che cos’è il deposito cauzionale?

Nella sua definizione classica, il deposito cauzionale è la somma in denaro richiesta dal proprietario all’inquilino a titolo di garanzia per le obbligazioni assunte nel contratto di affitto. Lo scopo della cauzione quindi è quello di tutelare il proprietario di un’abitazione contro i possibili danni causati dall’inquilino all’immobile.

È disciplinato dall’articolo 11 del codice civile, legge 392/78, che stabilisce che esso non può superare l’importo pari a tre mensilità del canone mensile ed è produttivo di interessi al tasso legale, da corrispondersi al termine di ogni anno di locazione.

Facciamo un esempio pratico: nel caso di un contratto di affitto con canone di locazione pari a 300€, il deposito cauzionale non potrà essere superiore ai 900€; a seconda del tipo di contratto si potrà decidere se gli interessi maturati da questa somma debbano essere corrisposti annualmente o al termine della locazione in un’unica soluzione.

L’ammontare della cauzione viene stabilita al momento della firma del contratto, e per la sua restituzione è necessario compilare il cosiddetto “verbale di consegna”, cioè un documento firmato da entrambe le parti in cui si attestano le condizioni dell’immobile al momento dell’affitto.

Una volta terminato il periodo di locazione verrà compilato un secondo documento, il “verbale di riconsegna”, nel quale vengono individuati gli eventuali danni e viene calcolata la parte di cauzione che si intende trattenere. I danni ai locali non vanno confusi con il normale logorio causato dal semplice uso, che non può al contrario essere utilizzato come ragione di rivalsa nei confronti dell’inquilino da parte del proprietario.

Al termine del contratto di locazione l’affittuario è tenuto a restituire il deposito cauzionale. È erroneo quindi pensare di sostituire il pagamento delle ultime mensilità come modalità di restituzione della cauzione; questa infatti verrà versata solamente dopo la firma del verbale di riconsegna.
La restituzione della somma versata a titolo di deposito cauzionale è pertanto un obbligo giuridico.

La differenza tra caparra e deposito cauzionale

Uno degli errori più comuni è quello di utilizzare i termini caparra e cauzione come sinonimi, pensando di riferirsi allo stesso oggetto; deposito cauzionale e caparra possono essere collegati tra loro, ma non possono essere interscambiati.

La caparra, a differenza del deposito cauzionale, è una somma in denaro che può essere temporaneamente versata all’agenzia immobiliare o al proprietario dell’immobile da parte del futuro inquilino come impegno al futuro contratto di affitto.

Una volta trovato l’accordo e stipulato il contratto di locazione, la somma versata in termini di caparra deve essere restituita al conduttore, o al più trasformata in parte del deposito cauzionale o dell’affitto per la prima mensilità.

Perché è importante per l’agenzia immobiliare?

L’agenzia immobiliare, in quanto intermediario tra le due parti, ha l’obbligo di far rispettare tutti gli obblighi giuridici innanzitutto, oltre a creare tutte le condizioni più favorevoli per un rapporto sereno e duratura tra affittuario e inquilino.

Questo, assieme a tutte le buone pratiche proprie di un’agenzia immobiliare, contribuiscono a creare una buona reputazione, e a fornire un servizio di qualità ai propri clienti.

Per approfondimenti sul tema e per conoscere tutti gli obblighi di un agenzia immobiliare, contattaci compilando l’apposito modulo. Saremo felici di aiutarti per ogni tua necessità!

Scarica il nostro E-Book

Vorresti fare carriera nell’immobiliare?
Sei un agente e vuoi diventare un imprenditore di successo?
Sei alla ricerca di maggiori soddisfazioni economiche?
La risposta è a portata di click con il nostro E-Book Gratuito:
“Da Agente Immobiliare a imprenditore di successo: il manuale completo“
Email
Nome
Cognome
Telefono
Ho letto e accetto l'informativa alla Privacy